Cashback di Stato: ecco la guida definitiva da seguire

6

Negli ultimi tempi si sente spesso parlare del cashback di Stato. Questa nuova iniziativa governativa sembra aver attratto tutti coloro che vogliono risparmiare, proprio come gli utenti che si informano grazie al nostro blog! Ma cos’è il cashback di Stato, come funziona e chi può sfruttarlo? In questa guida verranno analizzati tutti i dettagli al riguardo. In questo modo, chiunque può comprendere come riuscire a risparmiare in modo intelligente.

Cashback di Stato: cos’è?

Come prima cosa, bisogna capire cosa si intende con cashback di Stato. Ebbene, si tratta di un concetto semplice da apprendere, chiunque può comprenderlo in poco tempo. Il termine cashback ha un significato che si può facilmente intuire. Questo termine può essere tradotto in italiano come “ritorno del contante. Dunque, chi usufruisce di tale servizio può ricevere una piccola somma dell’importo versato per fare acquisti. Semplice no?

Naturalmente, si tratta di una piccola percentuale, che il Governo ha individuato con il 10%. Ad ogni modo, questa può essere una vera e propria occasione da cogliere al volo, specialmente se si devono spendere grosse somme di denaro.

Quando entra in vigore quest’iniziativa?

Il Governo ha presentato questa iniziativa come colonna portante del nuovo Piano Italia Cashless. Si tratta di una misura che ha come obiettivo quello di ridurre l’uso di contanti per l’acquisto dei prodotti comuni. Principalmente, tale piano è stato previsto per due obiettivi: l’eliminazione dei pagamenti in nero e la possibilità di limitare la veicolazione di virus e batteri. Infatti, da sempre il denaro contante può trasmettere malattie dannose e favorire il contagio dei virus; quindi ridurre la sua circolazione può essere una misura efficace ed intelligente.

La prima fase del Piano Italia Cashback è stata attivata l’8 Dicembre. Questa è definita una fase sperimentale e gli utenti che lo desiderano possono iniziare a partecipare, provando specialmente a fare acquisti durante il periodo natalizio. Tuttavia, questo piano entrerà definitivamente in vigore il giorno 1 Gennaio 2021, come stabilito dal decreto attuativo del 28 Novembre.

Come funziona il cashback di Stato?

A questo punto, occorre comprendere come funziona questo speciale cashback. Naturalmente, per riuscire ad ottenere il rimborso del 10% bisogna conoscere alcuni dettagli. In primo luogo, è bene specificare che tale sistema è attivo solo per acquisti effettuati con carte di credito, carte di debito, prepagate e sistemi online come Apple Pay o Google Pay. Le spese ammesse riguardano gli acquisti effettuati in bar, ristoranti, negozi fisici e simili con il metodo di pagamento scelto. Attraverso il sistema Enel X Pay poi, è possibile applicare il cashback sul pagamento delle bollette.

Non sono ammesse invece le spese online. Gli acquisti fatti su e-commerce e piattaforme web non rientrano in tale programma. Allo stesso tempo, anche i pagamenti periodici sulle proprie carte di credito non sono ritenuti validi per ricevere il rimborso.

Inoltre, il cashback varrà solo se si effettuano almeno 10 acquisti dal valore minimo di 15 euro. Tuttavia, il massimo che si potrà ricevere in rimborso dallo Stato sarà di soli 150 euro. Cosa significa questo in termini pratici? Ad esempio, se per un singolo acquisto si spenderanno 400 euro, il valore di rimborso che si potrà ricevere sarà sempre e solo di 150 euro, indipendentemente dalla somma accumulata con le altre spese. Alcuni potrebbero trovare questa formula limitante ed in un certo senso è così. Comunque, si tratta pur sempre di un rimborso da non perdere, un’ottima formula per guadagnare parte delle proprie risorse finanziarie.

Come aderire a tale misura?

Bisogna anche conoscere quali sono i metodi per accedere ed aderire a questa misura. Il più comune prevede l’iscrizione al portale IO.it ed il download della cosiddetta App IO sul proprio dispositivo mobile. Per iscriversi a questo portale bisogna registrarsi attraverso SPID, vale a dire la propria identità digitale, o mostrando la CIE 3.0, la carta d’identità elettronica con relativo PIN ricevuto al momento del rilascio del documento.

Dopo aver effettuato questi passaggi preliminari, bisognerà aggiungere a quest’applicazione i metodi di pagamento utilizzati per registrare gli acquisti effettuati. Infine, basterà indicare l’IBAN personale dove poter ricevere il rimborso. La procedura è più semplice di quello che si pensa e dopo averla effettuata si potranno tenere sotto controllo tutti i dettagli inerenti a tale programma.

In alternativa, se non si vuole utilizzare il portale IO.it, si può richiedere il cashback Poste. Per aderire a tale metodo occorre essere titolari di un conto Bancoposte e visitare la specifica sezione dedicata nell’applicazione ufficiale per dispositivi mobile.

Infine, se non si possiede ancora lo SPID o si è smarrito il PIN della propria carta d’identità elettronica, si possono utilizzare applicazioni alternative per usufruire del cashback di Stato. Nei dettagli, molti hanno trovato utile l’app Satispay, che possiede un’interfaccia facile ed intuitiva. Altri ancora invece, utilizzano il conto Hype per ricevere tale rimborso, facendosi accreditare il cashback sul proprio conto online.

SPID per cashback: come richiederlo?

Come si è potuto notare, usare lo SPID è il modo più semplice per accedere al programma Cashback. Tuttavia, non molti sanno come richiederlo. Alcuni vorrebbero farlo ma non hanno idea di come procedere al riguardo. Per questa ragione, è opportuno aprire una piccola parentesi e chiarire questo particolare.

Per richiedere lo SPID bisogna rivolgersi ad un identity provider. Quest’ultimo è un ente autorizzato dallo Stato Italiano a fornire l’identità digitale attraverso una rapida identificazione. L’identity provider più comune è Poste Italiane. Per ottenere tale servizio quindi, bisogna recarsi nella filiale più vicina alla propria posizione, portando la carta d”identità con sé. Bisognerà poi effettuare la propria richiesta allo sportello dedicato. Il servizio in questo modo sarà gratuito.

Alternativamente, è possibile richiedere lo SPID a domicilio. In questo caso comunque, bisognerà pagare il costo del servizio. Ci sono anche altri identity provider che permettono di effettuare tale procedura da remoto, con identificazione via webcam. Alcuni di questi sono InfoCert ID, Intesa ID e LepIDa. In ogni caso, l’attivazione da remoto sarà a pagamento e non gratuita.

Cashback non funziona: ecco perché

Alcuni hanno riscontrato diversi problemi con il cashback. In particolar modo, coloro che si sono iscritti attraverso App Io hanno potuto notare rallentamenti ed errori. Ebbene, c’è una spiegazione logica dietro al non funzionamento di questo programma.

In effetti, durante il mese di Dicembre tale sistema è ancora in via sperimentale. Dunque, è normale riscontrare problemi con l’applicazione o con il portale dedicato. Inoltre, a quanto pare c’è stata una grande affluenza di utenti che desideravano iscriversi al programma. Ciò ha mandato in crash l’App IO e causato diversi disagi. Tuttavia, sembra che la situazione ora si sia stabilizzata. Comunque, per evitare problemi con l’app si consiglia di aggiornarla costantemente, così da usufruire sempre dell’ultima versione disponibile.

Vale la pena usufruire del cashback di Stato?

Qualcuno potrebbe chiedersi se vale la pena usufruire del cashback di Stato. La nostra opinione al riguardo è chiara: in linea di massima sì. D’altronde, si tratta pur sempre di un’opportunità che permette di risparmiare denaro sulle spese comuni ritenute indispensabili. Sul nostro blog puoi sempre trovare consigli su come gestire al meglio le tue finanze, sfruttando occasioni come il Concorso Esselunga Natale 2020.

In definitiva, consigliamo questa iniziativa anche se non la promuoviamo a pieni voti. Ci sono ancora tanti elementi da limare, ma siamo sicuri che verranno aggiunti nuovi dettagli nel prossimo futuro. Per rimanere sempre aggiornati riguardo al cashback di Stato ed a numerose altre opportunità, il consiglio è quello di continuare a seguire il nostro blog e non perdersi nessuna novità!

Related Posts

1 Response

Leave a Reply

My New Stories

Uova di Pasqua online
Spesa online
regali per papà
estrazione Esselunga concorso 2021
Calendario-festività-2021
concorso-natale-esselunga-2020
bonus-pc-tablet-come-richiederlo